Corso Umberto I, 14 - 91017 Pantelleria (TP) Italia

(+39) 0923-912870 info@studiolafrancesca.it

Novità

Il regime di cassa per i contribuenti in contabilità semplificata

circolareDal 1 gennaio 2017, oltre alle 8 nuove scadenze fiscali a regime, per le imprese gestite in contabilità semplificata il governo ha cambiato completamente questo regime contabile prevedendo l’obbligo di registrare le date di incasso e/o di pagamento di ogni fattura. Nella circolare abbiamo cercato di fare un sunto della situazione suggerendo 2 metodi operativi.

Di seguito la circolare di Studio e di persona potremo dare maggiori ragguagli

Regime_di_cassa_2017

Comunicazione telematica di fatture e corrispettivi

circolare

Di seguito la  circolare relativa alla comunicazione telematica delle fatture e dei corrispettivi che potrà essere adottata dalle aziende dal prossimo 01.01.2017

Comunicazione_telematica_fatture_e_corrispettivi

 

Versamenti F24 e nuove regole per i privati

circolare

Nuova circolare di studio relativa alle nuove procedure per il modelli F24

Versamento_F24

Informativa Fiscale – Novembre 2016

circolare

Di seguito invio l’informativa fiscale relativa a novembre 2016 contenente gli aggiornamenti in merito al credito d’imposta per gli interventi di bonifica dall’amianto

informativa fiscale – novembre 2016

Più tempo per la rottamazione delle cartelle di pagamento – aggiornamento del 03.11.2016

cartella esattorialeNell’iter di conversione del D.L. 193/2016 verranno inserite disposizioni per dare ai contribuenti più tempo per chiudere i conti con il Fisco. E’ quanto si evince dalle affermazioni rilasciate dai relatori al Decreto Fiscale che ieri ha iniziato il proprio iter di conversione.

Si ricorda che chi vuole fruire della definizione agevolata delle cartelle di pagamento, prevista dall’art. 6 del D.L. 193/2016, deve tener bene in mente le scadenze da rispettate. Dopo aver presentato l’istanza di adesione entro il 23 gennaio 2017 (il 22 gennaio cade di domenica), indicando la modalità di pagamento prescelta, ossia in un’unica rata o rateale, si dovrà provvedere al pagamento di quanto dovuto.

In caso di pagamento rateale, le rate non possono essere superiori a quattro e l’ultima deve essere pagata entro il 15.03.2018.

Visti gli strette tempi concessi per il pagamento delle somme derivanti dalla definizione agevolata, sono state numerose le proteste. Per tale ragione il Governo sta pensando di concedere più tempo per il pagamento delle somme dovute a seguito della definizione agevolata. L’ipotesi più probabile è l’aumento del numero massimo di rate, che dovrebbe passare da 4 a 8.

Agenzia delle Entrate, parte un nuovo servizio di SMS personalizzato verso i contribuenti registrati

o-AGENZIA-ENTRATE-SMS-facebook

Il nuovo servizio sms è attivo da ieri ed è rivolto a tutti coloro che registrano il loro numero di telefono sul sito www.fisconline.it.

Gli sms previsti riguardano:

a) la comunicazione al contribuente che è in pagamento un rimborso tramite poste italiane;
b) la comunicazione al contribuente che è stato accreditato un rimborso fiscale tramite accredito sul conto corrente;
c) l’avviso di scadenza del pagamento dell’imposta di registro relativa all’annualità successiva di un contratto di locazione pluriennale;
d) l’avviso con cui si informa il contribuente che il suo intermediario ha pagato le sue imposte con F24;
e) il messaggio che avvisa i cittadini che devono al fisco delle somme a titolo di Irpef per redditi percepiti negli anni precedenti (i redditi “a tassazione separata”), che non risulta recapitata la richiesta di pagamento inviata dall’agenzia delle Entrate tramite raccomandata. In questo caso, una volta ricevuto l’sms, il contribuente potrà contattare il call center dell’Agenzia che gli invierà via email una copia della comunicazione. Dalla data della mail decorreranno 30 giorni per pagare senza sanzioni e interessi.

Rottamazione ruoli esattoriali – aggiornamento del 28.10.2016

Come già accennato nei giorni scorsi, si sta lavorando affinché la procedura per la “rottamazione” dei ruoli esattoriali ritorni, quantomeno, al testo originale e cioè quello che prevedeva il pagamento in 36 rate (l’ideale sarebbe almeno 72) anziché le 4 inserite poi nel testo del decreto pubblicato in gazzetta ufficiale.

Di seguito l’articolo estratto sul quotidiano economico “Italia Oggi” del 28.10.2016

rottamazione ruoli esattoriali - aggiornamento del 28.10.2016